RISERVA NATURALE TORRE GUACETO

Area Marina Protetta

  • Meteo

    giweather wordpress widget

RISERVA NATURALE TORRE GUACETO – Area Marina Protetta

 

torreguacetoSituata sulla costa adriatica dell’Alto Salento a circa 30 chilometri da Brindisi, Torre Guaceto è una riserva naturale divisa in due aree e con un’estensione di circa 1.200 ettari.
A monte, il visitatore scopre un paesaggio dal carattere mediterraneo con dune, paludi e un’area caratterizzata da grandi oliveti secolari simbolo della tradizione agricola della Puglia. Andando verso il mare, invece, si trova la zona umida, in quest’ambiente trovano rifugio animali diversi per caratteristiche e abitudini. Sicuramente i più schivi e difficili da vedere sono i mammiferi notturni come il tasso, la donnola o la faina, che generalmente di giorno sono al sicuro nelle loro tane scavate nel terreno, ben nascoste e mimetizzate nella vegetazione.
Durante i periodi più caldi dell’anno è facile scorgere ai bordi dei sentieri innocui serpenti come il colubro leopardino così chiamato per la spettacolare livrea a macchie brune o il cervone che può raggiungere notevoli dimensioni, mentre le acque, ricche di vegetazione sommersa, ospitano rettili come la biscia dal collare o la testuggine d’acqua, facilmente distinguibile dalle punteggiature gialle sul corpo scuro.
Tra gli uccelli che prediligono come dormitorio o punto di sosta il canneto di Torre Guaceto vi sono passeriformi come il pendolino e l’usignolo di fiume o uccelli di dimensioni maggiori come il porciglione, gli aironi e il tarabuso. Quest’ultimo, per mimetizzarsi al meglio tra le canne che lo circondano, può rimanere per molto tempo immobile in piedi o ondulare lentamente come canna al vento. Se disturbato invece assume una strana e buffa posizione di attacco che, a dire il vero, sembra tutt’altro che minacciosa. Altri protagonisti di quest’ambiente sono le rondini che in migliaia di esemplari stazionano in Puglia durante i viaggi migratori. Tra i rapaci domina il falco di palude. Tra i mammiferi più comuni vi è la lepre e il coniglio selvatico, la volpe, la faina, il riccio e piccoli roditori quali il topo campestre e il topo quercino. Sono presenti anche l’istrice, il gatto selvatico, il daino e il cinghiale.
Durante tutto l’anno, la riserva offre numerose attività sportive come il trekking, il ciclotrekking e il seawatching e svariate iniziative didattiche di educazione ambientale.